Tuesday, 24 October 2017
Economia

Carte prepagate virtuali: guida alla scelta

Scegliere una carta prepagata non è una questione di poco conto perché in gioco ci sono tempestività, sicurezza e praticità. Uscire ogni qual volta si ha necessità di fare un acquisto online per ricaricare la scheda può infatti diventare una grande scocciatura.

Altrettanto fastidioso può essere il pagamento di un canone mensile fisso se magari con quella determinata prepagata non si fanno più di un paio di acquisti al mese. Certo è che oggi giorno, non possedere una carta di questo tipo, è un gran rischio in quanto i pagamenti telematici sono praticamente ovunque: dallo shopping online, ai voli, ai biglietti del treno, al parcheggio e così via.

carte prepagate virtualiPagando con una carta di credito tradizionale o con addebito sul proprio conto ci si espone a rischi elevatissimi che non vale davvero la pena di correre. Mentre hackerare un conto online è assai difficile, per le carte prepagate è molto più facile in quanto basta avere i numeri e il codice di sicurezza posto sul retro della carta.

Per scegliere quella giusta, dunque, è bene riflettere su quanto costerà al mese, su quanto è facile ricaricarla (la soluzione migliore è collegandola al conto corrente e potendo utilizzare la app della banca) e su quale circuito opera (mastercard, visa, ecc).

Detto questo, una delle più convenienti degli ultimi tempi è Kalixa, un prodotto dall’utilizzo versatile ed economico che opera sul circuito MasterCard. La carta Kalixa, infatti, non ha costi di canone e permette di fare pagamenti fino a 9 mila euro al mese con ricariche di massimo 3 mila euro mensili. L’unica commissione prevista è quella legata ai prelievi di contanti che provocano l’addebito di 1,75 euro per ogni operazione.

Con Genius invece, i prelievi sono gratuiti presso le banche Unicredit e per ricaricare la scheda bastano 50 centesimi ma per i non studenti o per gli over 30 viene addebitato un costo mensile piuttosto elevato, circa 5 euro.

Un altro strumento particolarmente interessante è Enjoy del Banco Popolare di Bergamo ma, naturalmente, in centro Italia e al sud non è molto conosciuto. Si tratta anche in questo caso di un prodotto economico e flessibile che prevede solo 2 euro di canone per il primo anno, mentre gli altri anni è gratuito.

Infine c’è la più gettonata di tutte ma non perché sia in assoluto la più conveniente, la carta Postepay di Poste Italiane. La Postepay opera su circuito Visa e può essere utilizzata per acquisti fino a 3 mila euro al mese. Per avere la carta Postepay bisognerà pagare 5 euro di canone, ma solo per il primo anno, mentre successivamente sarà gratuita.

Post Comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code