Economia

L’importanza del tempo nelle strategie di forex trading

Il trading online non è certamente un’attività alla portata di tutti. È necessaria per prima cosa una sorta di attitudine naturale, oltre ovviamente una perfetta conoscenza della materia e delle tantissime strategie che è possibile utilizzare.

Tutto diventa ancora più complesso quando si parla del forex, l’enorme mercato dove vengono scambiate valute e all’interno del quale un numero sempre maggiore di piccoli investitori prova a mettersi in competizione con i “big” del settore. Investire nel forex è forse troppo rischioso per queste persone? Non necessariamente: insieme ai pericoli, anche le opportunità sono davvero tante.

strategie di forexQuesto a patto che ci si muova nella maniera corretta, senza mai dimenticare che il forex è un mercato gigantesco nel quale bisogna costantemente adattarsi alle fluttuazione dei trend e ai cambiamenti improvvisi che possono verificarsi in archi di tempo variabili.

Proprio il tempo è il fattore decisivo quando si tratta di fare trading nel forex. Vediamo perché. Per tradare nel modo corretto bisogna adottare uno dei tanti stili o strategie forex.

Esse si adattano alle circostanze e variano a seconda del tipo di trading che si vuole operare, quindi la scelta spetta sempre al trader, che dovrà seguire le sue tendenze naturali per capire entro quale arco temporale si trova più a suo agio. Oltre a questi consigli generici, su ForexTime24.com ne potete trovare altri, trattati in modo più specifico e professionale.

Abbiamo ad esempio lo stile Position Trading, che va ad abbracciare un periodo di tempo molto lungo, con posizioni aperte anche per mesi e anni. I trader che utilizzano questo stile hanno la possibilità di poter usare diversi strumenti per analizzare il mercato, servendosi dei dati che emergono sia settimanalmente che mensilmente.

Segue lo Swing Trading, con il quale le posizioni sono mantenute aperte per un periodo che può variare da alcuni giorni a diverse settimane. Questo facilita la presa di posizione nei movimenti di mercato nel breve periodo. I traders che seguono questo stile di solito adoperano l’analisi tecnica e la price action, in modo da poter determinare sia i movimenti in entrata che i movimenti in uscita.

Questo stile non richiede il monitoraggio costante del mercato, visto che tutto si compie nell’arco di pochi giorni e rappresenta quindi una delle migliori strategie per quei trader che non possono tenere sotto controllo le posizioni quotidianamente.

Il Day Trading consente invece di aprire e chiudere le posizioni durante la stessa giornata. Di solito queste posizioni si aprono e si chiudono attraverso i target profit e gli ordini stop/loss. Essendo queste operazioni aperte solo nell’arco di poche ore, non presentano movimenti di grandi capitali e di conseguenza le percentuali dei guadagni non sono sicuramente elevate.

Infine abbiamo lo Scalping, una forma molto attiva di trading giornaliero, con frequenti operazioni di acquisto e di vendita durante ogni sessione giornaliera. Sia i target profit, che gli ordini stop/loss, vengono usati per gestire posizioni mantenute per alcuni secondi o al massimo pochissimi minuti, con guadagni limitati ma molto più frequenti.

Appare evidente che tempo e guadagno nel forex siano collegati da una specie di equazione. Spetterà al trader decidere come gestire questa equazione per fare al meglio il suo lavoro.

Post Comment