Tuesday, 24 October 2017
Tecnologia

Technology for human beings, il concorso per tesi di laurea in tecnologie: in palio migliaia di euro

Infrastrutture, cablaggio, reti di telecomunicazione, utilizzo di materiali alternativi ai metalli per la protezione dei cavi: se su questi fronti la tecnologia sta facendo passi da gigante e anche grazie alle tanti giovani menti brillanti che, in ambito universitario, conducono con dedizione e sacrificio studi e ricerche. Spesso però si tratta di progetti costosi che le facoltà non sono disposte a sostenere e che quindi, nonostante la loro indiscussa validità, finiscono nel dimenticatoio.

Technology for human beingsÈ proprio per questo motivo che Prysmian, una società italiana e quotata in Borsa tra i leader al mondo nella produzione di cavi e sistemi per la trasmissione di energia, insieme con la Human Foundation, guidata dall’ex ministro Giovanna Melandri, ha deciso di lanciare per la seconda volta un concorso per tesi di laurea. Il bando è rivolto agli studenti delle facoltà di fisica, ingegneria e scienze dei materiali e per partecipare c’è tempo fino al prossimo 16 settembre.

Abbiamo deciso di ampliare la tipologia di facoltà ammesse – spiega al proposito  Marcello Andrade, senior vice presidente per ricerca e sviluppo di Prysmian oltre che membro della giuria – per sostenere studi su tecnologie innovative e applicabili agli ambiti in cui operiamo, dando così un’opportunità concreta ai giovani e valorizzando tematiche attuali come i modelli sostenibili di produzione e i materiali riciclabili.

Agli occhi della giuria avranno grande rilievo aspetti come l’originalità della ricerca, la sua qualità e la coerenza interna dei temi trattati. Alla finale arriveranno tre tesi di laurea triennale e altrettante di laurea magistrale. Premi in denaro ma non solo. I primi classificati nelle due categorie infatti entreranno a lavorare nel gruppo con un tirocinio di sei mesi. E si porteranno a casa un assegno del valore di 5 mila euro (laurea magistrale) e 4 mila (laurea triennale).

Riconoscimento che scende di mille euro ad ogni gradino del podio, rispettivamente per le due categorie. Tra gli argomenti che sono considerati più interessanti, figurano tutti gli aspetti innovativi nel cablaggio di energia e tlc, le infrastrutture smart per le reti di comunicazione, lo studio di materiali riciclabili o comunque alternativi ai metalli per la protezione dei cavi.

E ancora, analisi sull’efficienza energetica e il rendimento degli impianti fotovoltaici e il ruolo dei sensori nel migliorare l’efficienza dei sistemi di trasmissione. Insomma, a tutti coloro che ritengono di aver elaborato un progetto interessante, non resta che partecipare. Tutte le istruzioni sono disponibili sul sito ufficiale di Prysmian.

Post Comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code