Thursday, 17 August 2017
Economia

Trading online: gli errori dei principianti

Internet, negli ultimi anni, ha fatto sì che vecchie operazioni complesse si trasformassero in gesti semplici da effettuare anche a casa, senza nemmeno allontanarsi dalla propria scrivania. Si tratta per esempio di quello che sta accadendo con la Borsa e i mercati azionari: investire online è diventata infatti un’operazione accessibile a chiunque abbia un minimo di conoscenza della Rete.

Ma attenzione: stiamo parlando pur sempre di qualcosa di rischioso. Anzi, proprio la facilità di accesso alle piattaforme di trading online rischia di portare persone poco avvedute e poco esperte a fare degli investimenti azzardati e degli errori da veri e propri principianti. Il trading online permette di guadagnare? La risposta può essere positiva, ma bisogna in primo luogo prepararsi per bene e soprattutto non si deve mai sottovalutare l’operazione che si sta andando a svolgere.

Il Trading OnlinePartiamo con alcuni degli errori più classici. Molti trader alle prime armi non riescono a guadagnare nel lungo periodo semplicemente perché fanno overtrading, piazzano cioè troppe “trade” in un periodo di tempo troppo ristretto. Bisogna in questo caso contenere le emozioni e l’ansia di piazzare quanti più scambi possibili, mettendo a rischio i propri risparmi. Si tratta dell’errore tipico del trader inesperto: farsi guidare dalle emozioni.

I più preparati sanno quanto questo sia deleterio per gli investimenti e sanno muoversi sempre con calma, attendendo il momento giusto per aprire la posizione giusta. Si tratta in pratica di sapere sempre con esattezza cosa si stia cercando sul mercato e fare la propria mossa solo quando il margine operativo è chiaramente identificabile.  Aprire troppe posizioni fa aumentare i costi delle transazioni e alla lunga farà perdere soldi più velocemente.

Molti nuovi trader tendono inoltre a consumare tutto il loro capitale iniziale in una sola settimana o in un solo mese. Questo succede quando si fa sottocapitolazione, si inizia cioè con un capitale troppo basso con l’idea di ridurre così i rischi. Non è vero: facendo trading con un capitale ristretto è impossibile ridurre il rischio. Più infatti il conto è piccolo, più le posizioni saranno chiuse di frequente, con il risultato di avere perdite sì piccole, ma anche numerosissime.

Un altro errore comune è quello di rischiare più di quanto si possa realmente mettere in gioco. In molti non mettono in pratica una reale gestione del rischio, cosa che comporta un controllo costante per ogni trade. Ognuno di essi, infatti, può comportare delle perdite, solo che non tutti ne tengono conto. Si rischia così di “puntare” troppi soldi su un singolo trade, con conseguenze prevedibili. Su www.tradingonline.me troverete le migliori strategie per guadagnare con il trading spiegate in ogni dettaglio.

Gestione del rischio quindi, ma anche una perfetta pianificazione del trading. Molti trader affrontano il mercato senza un piano preciso, pensando di poterlo gestire anche in itinere. Sbagliatissimo. Il piano va concepito e seguito fin dall’inizio, senza mai discostarsene e senza mai farsi guidare dalle emozioni. Deve essere messo su carta e riletto ogni volta che si entra in azione, come un testo sacro a cui affidarsi.

Disciplina, costante attenzione e monitoraggio delle proprie operazioni e sangue freddo: queste le caratteristiche principali di un trader principiante che vuole fare strada nel settore.

Post Comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code