Tecnologia

Visori per realtà virtuale, le novità sul mercato

Non è passato molto tempo da quando impazzivamo guardando film di fantascienza in cui bastava indossare un visore e dei guanti per entrare “in prima persona” all’interno della realtà virtuale, con personaggi che andavano oltre lo schermo e si muovevano in un altro mondo senza usare mouse, cursori o interfacce varie. Ammettiamolo, tutto ciò appariva davvero irrealizzabile, qualcosa di troppo futuristico. Ebbene, il futuro sembra essere arrivato, o quanto meno in forte avvicinamento.

Stiamo parlando ovviamente dei nuovi visori per la realtà virtuale messi in commercio negli ultimi mesi, in particolare dell’Oculus Rift e dell’HTC Vive, per pc, e del PlayStation VR, per la console di casa Sony. Niente più mouse insomma, né joypad: basta infilarsi in testa in visore e usare le proprie mani e nuovissimi mondi virtuali si apriranno davanti a noi esattamente come succedeva in quei film di cui accennavamo.

La Realtà virtualeMa non corriamo troppo: siamo ancora all’inizio e parlare di una vera e propria scomparsa dei “vecchi” sistemi è davvero prematuro. Il settore dei visori per la realtà virtuale è ancora in una fase che potremmo dire “di sperimentazione” e i giochi già disponibili – molti dei quali presentati durante la recente convention dell’E3 – non possono di certo competere con i loro avversari “classici”. Ciò nonostante le maggiori software house non si stanno lasciando scappare l’occasione di mettersi in mostra con le più svariate simulazioni di vita reale o con giochi più complessi che possano sfruttare al massimo la nuova tecnologia. Già adesso ce n’è per tutti i gusti: simulatori di volo, giochi d’azione, sparatutto in prima (in primissima!) persona, giochi di ruolo, picchiaduro e quant’altro. In pratica la lista completa dei generi videoludici in grado di soddisfare le esigenze di ogni videogiocatore.

Ripetiamo però che è ancora un po’ presto per parlare di una rivoluzione totale. La grafica dei vari giochi presentati non è ancora a livelli ottimali, così come il grado di interazione che è possibile mettere in atto con la realtà virtuale. In parole povere: il mondo virtuale non può ancora sostituire quello reale. E questo è senza ombra di dubbio un bene!

Senza contare poi i prezzi, davvero molto elevati per quanto riguarda i visori per pc, più bassi se parliamo del PS VR, ma comunque ancora poco accessibili alla massa dei giovani giocatori. Insomma, per il futuro in grande stile dobbiamo ancora aspettare. Non così tanto, però…

Post Comment

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code